Vent’anni di pordenonelegge, dieci anni della Scuola di scrittura pordenonescrive, 5 anni della Fondazione Pordenonelegge.it che dal 2014 coordina oltre 100 iniziative promosse ogni anno nel segno del libro, della letteratura e della poesia: incontri, letture, lezioni magistrali, seminari, workshop e persino due collane editoriali che impegnano pordenonelegge in veste di editore di poesia per autori esordienti e per le firme più note e apprezzate del nostro tempo.

Il 2019 è senz’altro un anno chiave per la città di Pordenone e il suo festival – in programma dal 18 al 22 settembre - così come per le iniziative che intorno a pordenonelegge sono fiorite e sono state coltivate dal 2000 ad oggi. Una proposta organica che include, con l’annuale Festa del Libro di settembre - diretta da Gian Mario Villalta con i curatori Alberto Garlini e Valentina Gasparet - la Scuola di scrittura nata dieci anni fa per coinvolgere e ‘formare’ intorno al piacere di ascoltare e scrivere storie: pordenonescrive torna dall’1 al 23 febbraio sul tema “Gli strumenti della scrittura”, con tre grandi protagonisti che si avvicenderanno per lezioni tematiche. Sono gli scrittori Premio Campiello Rosella Postorino e Marco Balzano e l’autore e fumettista Matteo Bussola, apprezzato per la sua capacità di parlare attraverso i social. Marco Balzano aprirà pordenonescrive 2019 venerdì primo febbraio dalle 18 alle 21 e sabato 2 febbraio dalle 10 alle 13 (Palazzo Badini, Pordenone) illustrando gli attrezzi dello scrittore per costruire una narrazione. Rosella Postorino focalizzerà sui personaggi e sulle storie estreme.

Matteo Bussola si soffermerà sulle relazioni fra scrittura e fumetto e sull’importanza che l’immagine ha in un racconto. Alberto Garlini e Gian Mario Villalta, curatori di pordenonescrive, entreranno nel vivo di alcune grandi questioni della narrativa contemporanea. Garlini si occuperà delle possibilità del comico nel romanzo, Villalta affronterà il tema della voce narrante e terrà una lezione dedicata al racconto.

Pordenonescrive è anche traduzione. Venerdì 9 marzo è in programma il seminario dedicato a “Tradurre Stephen King e l’immaginario americano”. Sarà Luca Briasco, traduttore ed editor di narrativa straniera per Minimum Fax, a condurre il workshop dedicato a una vera icona, lo scrittore più celebrato della letteratura mondiale fantastica e horror. E dal 18 al 22 settembre 2019 si rinnova l’appuntamento con pordenonelegge, la Festa del Libro con gli Autori: sarà la 20^ edizione di una tra le più attese manifestazioni dell’agenda culturale italiana, un evento promosso dalla Fondazione Pordenonelegge.it con una grande squadra di promotori, partner e collaboratori, a cura di Gian Mario Villalta (Direttore artistico), Alberto Garlini e Valentina Gasparet. Fra i protagonisti del festival in questi 20 anni ci sono autori come Daniel Pennac, David Grossman, Richard Rorty, John Banville, Erica Jong, J.M. Coetzee, Luis Sepulveda, Peter Singer, René Girard, Daniel Dennett, Michael Cunningham, Elizabeth Strout, Peter Sloterdijk, Slavoj Zizek, Margaret Atwood, Marc Augè, Zygmunt Bauman, W.S. Naipaul, Ian McEwan, David Lodge, Cathleen Schine, Irvine Welsh, Carlos Ruiz Zafòn e George Steiner, per menzionare solo alcune grandi presenze internazionali, affiancate in queste 18 edizioni da uno sterminato numero di autori italiani. E il Premio FriulAdria La storia in un romanzo è stato conferito nel tempo ad autori come lo storico e saggista Robert Harris (edizione 2018), il Premio Nobel Wole Soyinka, Emmanuel Carrère, Javier Cercas, Umberto Eco, Martin Amis, Ian Mcewan, Alessandro Baricco, Art Spiegelman, Abraham Yehoshua e Arturo Peréz-Reverte.