All’interno del fitto programma di ArtCity, uno speciale spazio è dedicato alla Luna: otto incontri curati da Graziano Graziani per raccontare il rapporto dell’uomo con il suo satellite da quel fatidico incontro il 20 luglio 1969. Questo rapporto d’amore ha, in fondo, origini antiche, da quando Luciano di Samosata immaginò un viaggio che avrebbe portato noi umani a conoscere i seleniti, da allora l’umanità e la Luna, da sempre si guardano e continueranno a farlo.

In questa singolare rassegna culturale si celebra la Luna attraverso la letteratura, la poesia, la scienza, il teatro, attraverso testimonianze di astronauti e racconti di scrittori, facendoci trasportare dalla musica dedicata alla Luna e facendo i conti persino con il ‘complottismo’. Perché una storia così incredibile come un viaggio nello spazio, prima del luglio 1969, l’umanità non l’aveva ancora scritta, pur avendo sempre desiderato di farlo.

Venerdì 5 luglio, ore 21,00 - Villa Giustiniani, Bassano Romano (VT).

«STRALUNATI» - Ermanno Cavazzoni racconta Fellini, “La voce della Luna” e il “Poema dei lunatici”.

Trentadue anni fa lo scrittore emiliano Ermanno Cavazzoni pubblicava uno dei suoi libri più belli, Il Poema dei lunatici, e il romagnolo Federico Fellini lo trasformò in quello che sarebbe stato il suo ultimo film, “La voce della luna”, con Roberto Benigni e Paolo Villaggio. Tra ricordi e letture, spezzoni di film e digressioni, Ermanno Cavazzoni ci racconterà il suo libro, il suo rapporto con Fellini con cui collaborò come sceneggiatore, e il gusto per la poesia i personaggi “stralunati” che accomuna entrambi.

Villa Giustiniani - Piazza Umberto I 01030 Bassano Romano (VT) tel. +39 0761 636025

Ingresso libero fino a esaurimento posti

*

Giovedì 11 Luglio, ore 21,00 Palazzo Farnese, Caprarola

«ASTOLFO SULLA LUNA»

Emanuele Trevi ci racconta una delle scene più fantasiose dell’Orlando Furioso

L’Orlando Furioso di Ludovico Ariosto non è solo una delle grandi opere della letteratura mondiale, ma anche un racconto epico che ha ispirato centinaia di artisti a seguire. Tra questi Luca Ronconi e Edoardo Sanguineti, la cui versione teatrale dell’Orlando fu girata, per la televisione, proprio nel museo di Caprarola. Emanuele Trevi, uno degli scrittori più interessanti di oggi, ripercorrerà proprio in quelle stesse stanze una delle più fantasiose immaginazioni letterarie della Luna: il viaggio di Astolfo.

Palazzo Farnese Piazza Farnese, 1 01032 Caprarola (Vt) tel. 0761 646052

*

Giovedì 18 Luglio, ore 21,00 Museo Andersen, Roma

«VOLEVAMO LA LUNA»

Andrea Cortellessa racconta la Luna in poesia e le reazioni delle avanguardie artistiche di fronte all’Allunaggio. Quello della Luna è desiderio di un Altrove radicale che l’Allunaggio, nel luglio del 1969, insieme realizza e demistifica. Le reazioni degli scrittori italiani (da Ungaretti a Calvino, da Zanzotto alla Ortese e Ceronetti) sono contraddittorie. L’«Orlando Furioso» di Luca Ronconi ed Edoardo Sanguineti segna il compimento e la conclusione della traiettoria dell’avanguardia. Un doppio legame assunto anche dal cinema («2001 Odissea nello spazio» di Stanley Kubrik) e dall’arte («Luna» di Fabio Mauri) di quel tempo.

Museo Hendrik Christian Andersen

Via Pasquale Stanislao Mancini, 20 00196 Roma tel. +39 06 3219089

*

Venerdì 2 Agosto, ore 19,00 Museo archeologico dell’Agro Falisco Forte Sangallo, Civita Castellana (VT)

«CONQUISTATI DALLA LUNA»

Patrizia Caraveo presenta il suo ultimo libro dedicato alla Luna, tra scienza e immaginario

Astrofisica di fama mondiale, Patrizia Caraveo ha dedicato il suo ultimo libro alla Luna. La Luna affascina da sempre gli abitanti della Terra, che l’hanno visitata prima con l’immaginazione – dai racconti di Verne alle immagini di Méliès – poi con gli strumenti della tecnologia. Adesso sulla Luna vogliamo tornare per creare una comunità permanente. Ci sono già imprenditori pronti a sfruttare le sue risorse minerarie o ad aprire i suoi “mari” al turismo spaziale. Bisognerà farlo con grande cautela, per non compromettere la splendida desolazione descritta dagli astronauti.

Museo Archeologico dell’Agro Falisco Forte Sangallo Via del Forte 01033 Civita Castellana (Vt) tel. + 39 0761 513735

Ingresso libero fino a esaurimento posti

A seguire

Venerdì 02 Agosto, ore 21,00 Museo archeologico dell’Agro Falisco Forte Sangallo, Civita Castellana (VT)

«IL COMPLOTTO DELL’ALLUNAGGIO»

Tra musica e racconto, Valerio Mattioli ci porta in viaggio attraverso le teorie cospirazioniste sulla corsa alle stelle Siamo stati davvero sulla Luna? Qualcuno è pronto a giurare il contrario. Secondo la teoria più diffusa, l’Allunaggio sarebbe solo una messa in scena, filmata con l’aiuto di nientemeno che Stanley Kubrik. Questa è solo una delle teorie fantasiose su uno degli eventi più straordinari della storia delle esplorazioni e della scienza. Valerio Mattioli, esperto di complottismo, ci propone un dj set d’ascolto, un po’ in racconto e un po’ in musica, per attraversare le teorie del complotto lunare.

Museo Archeologico dell’Agro Falisco Forte Sangallo Via del Forte 01033 Civita Castellana (Vt) tel. + 39 0761 513735

Ingresso libero fino a esaurimento posti

*

Venerdì 23 Agosto, ore 21,00 Museo delle Navi romane, Nemi (RM)

«La Luna vista dallo spazio»

I segreti del nostro satellite raccontati da un astronauta, Umberto Guidoni Umberto Guidoni è stato il primo astronauta europeo a visitare la Stazione Spaziale Internazionale. Astrofisico e poi europarlamentare, Guidoni è anche uno scrittore e uno straordinario divulgatore. Con lui esploreremo la Luna e i suoi segreti, parleremo di cosa essa rappresenti – unico astro che ha visto la presenza umana oltre alla Terra – per chi ancora oggi si avventura nello spazio, e delle prospettive future che forse, un giorno non lontano, porteranno nuovamente l’uomo a camminare sul suolo lunare.

Museo Nazionale delle Navi Romane Via del Tempio di Diana, 1 000040 Nemi (RM) +39 06 9398040

Biglietto intero € 4 ridotto € 2

*

Venerdì 30 Agosto, ore 21,00 Museo archeologico nazionale di Palestrina

«Da Luciano a Jules Verne»

I viaggi verso la luna in letteratura, raccontati da Loredana Lipperini Loredana Lipperini, scrittrice e conduttrice di Faharenheit, oltre ad essere un’esperta di letteratura è anche un’amante della fantascienza. In una lunga chiacchierata che partirà da «Una storia vera» di Luciano di Samosata, il primo racconto che abbia mai immaginato un viaggio sulla Luna, faremo con lei un periplo lungo l’immaginazione letteraria che ha portato l’uomo a viaggiare tra le stelle con l’immaginazione, ben prima di poterlo fare grazie alla tecnologia. Museo archeologico nazionale di Palestrina Via Barberini, 22 00036 Palestrina (RM) Tel. +39 069538100 – pm-laz.palestrina@beniculturali.it

*

Venerdì 5 Settembre, ore 21,00 Museo Nazionale Etrusco Rocca Albornoz, Viterbo

«Primi passi sulla Luna»

Spettacolo comico-poetico di Andrea Cosentino

Chiude la nostra rassegna sulla Luna lo spettacolo di uno dei più stralunati e intelligenti interpreti della scena teatrale contemporanea. Andrea Cosentino prende spunto dall’allunaggio per raccontare una storia impossibile, che si rifiuta di farsi spettacolo. Un buco nero dove collassano la morte di Kubrik e le teorie del complotto sull’allunaggio, un alieno viterbese e il racconto di Pimpa e la Luna, attraversando una storia emozionante che ha per protagonista una bambina e che fa tornare un po’ bambini anche noi. Un cabaret postmoderno, comico, poetico, emozionante.

Museo Nazionale Etrusco Rocca Albornoz Piazza della Rocca, 21b 01100 Viterbo tel. +39 0761 325929 Biglietto intero € 6 ridotto € 2

ArtCity è un progetto organico di iniziative culturali realizzata dal Polo Museale del Lazio l’Istituto del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo che gestisce quarantasei musei e luoghi della cultura di Roma e del Lazio. Unisce sotto un ombrello comune centinaia di iniziative di arte, architettura, letteratura, musica, teatro, danza e audiovisivo. Nasce con l’idea di creare occasioni di visita attraverso attività pensate su misura, capaci di sfruttare l’attitudine a vivere nuove esperienze che le persone in genere rivelano soprattutto d’estate: questo, naturalmente, tenendo fermi la tutela e il decoro dei luoghi, il rigore scientifico e la qualità artistica.