Volevo solo andare a letto presto

Agata Trambusti ha trentacinque anni. È ipocondriaca e ossessiva, oltre ad essere un’amante sfegatata delle telenovelas brasiliane. Niente di sorprendente se pensiamo alla sua infanzia trascorsa in un borgo hippy, con una madre fissata con la cristalloterapia e un padre non meglio identificato. Ecco alcuni dei motivi che hanno portato Agata a diventare una maniaca del controllo. Nella sua vita i fuori programma non sono ammessi. Non devono essere ammessi. Neanche quelli meteorologici, tipo la pioggia di quel giorno. Un imprevisto trascurabile, se solo sapesse cosa l’aspetta. Oltre a un tacco rotto e i capelli che scappano, mancava all’appello solo quell’uomo misterioso che ha iniziato a starle alle calcagna. Con i suoi occhi azzurri, scrutatori. Inizia un susseguirsi rocambolesco di eventi tra i più loschi vicoli della sua città, Barcellona. E Agata si ritrova in un vortice impazzito. Il suo psicologo forse aveva ragione…

“Volevo solo andare a letto presto”: probabilmente è proprio questo il pensiero ricorrente di Agata quando si ritrova costretta a mollare gli ormeggi e a rassegnarsi al fatto che, nella vita, non tutto si può controllare. Anzi, quasi niente. A insegnarle a lasciarsi andare sarà quell’uomo dagli occhi azzurri che piomba improvvisamente nella sua vita, Fabrizio Calcaterra. La educherà a fidarsi, soprattutto del suo cuore e delle sue emozioni. Perché, anche quelle, non si possono guidare. E forse è molto meglio così. Il romanzo di Chiara Moscardelli è leggero, frizzante e al tempo stesso profondo. Agata impara ad ascoltarsi, senza armature, senza muri. E lo impariamo anche noi, mentre la seguiamo nel turbinìo di eventi che la travolgono. La Moscardelli arricchisce il tutto con una serie di personaggi al limite del surreale, grotteschi, divertenti, folli, mai noiosi. Una lettura piacevole, scorrevole, ma densa di insegnamenti. Uno su tutti, che ogni giorno “si incontrano milioni di persone e non succede niente. Poi ne incontri una e la tua vita cambia per sempre”.

 


 

0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER